Recapiti

 

clicca sulle immagini sottostanti per avere maggiori informazioni sulle basiliche della Comunità Pastorale 

BIENATE
MAGNAGO
VANZAGHELLO
bienate_cerchio magnago_cerchio vanzaghello_cerchio
Vai Alle Notizie Vai Alle Notizie Vai Alle Notizie
Vai Al Sito Vai al Sito


separatore_super

BIENATE – S. Bartolomeo

BienateNella chiesa è presente un San Francesco con le stigmate di Camillo Procaccini.

Altri edifici sacri:

Chiesa di Santo Stefano. Fondata probabilmente nel XII° secolo, la chiesetta rurale ha nella sua abside la più antica testimonianza pittorica del territorio comunale di Magnago: un affresco raffigurante il Crocifisso tra la Vergine e San Giovanni Evangelista, del 1520.
Monastero. Importante testimonianza di chiostro lombardo, probabilmente risalente al XVI° secolo. Oggi interamente recuperato con l’annesso parco.

Torna all’indice

.

.

sep2

MAGNAGO – S. Michele Arcangelo

MagnagoDemolito l’antico impianto nel 1700, venne ricostruita a più riprese. Completata con il nuovo campanile solo alla metà del 1900, conserva interessanti dipinti del XVII° e XVIII° secolo come una grande tela raffigurante San Giacinto che guarisce i due gemelli ciechi, della prima metà del ‘600.

Altri edifici sacri:

Chiesa di Santa Maria. Risalente almeno al XIII° secolo, fu sede conventuale dei Padri Serviti. Ha nel suo interno pregevoli affreschi del XVI° secolo.

Torna all’indice

.

.

.

sep2

VANZAGHELLO – S. Ambrogio

VanzaghelloFu edificata a partire dal 1730 sull’area di un’antica cappella per volere del parroco d’allora, Cristoforo Bonazzi. I lavori durarono circa 11 anni senza che venissero ultimati, tanto che il campanile e la facciata furono completati solo nel 1895. Fu consacrata il 16 ottobre 1920. Tutto l’edificio è stato recentemente restaurato ed è stato oggetto di restauro anche l’ottocentesco organo Bernasconi.

Altri edifici sacri:

Chiesa di San Rocco. La prime notizie risalgono al 1570, anno in cui San Carlo Borromeo compì una visita pastorale e fece eseguire una serie di rilievi in pianta. La struttura è tipica degli oratori campestri: aula rettangolare terminante con abside circolare. L’altare maggiore, inserito in un affresco a carattere architettonico, conserva come pala un dipinto cinquecentesco raffigurante la Vergine Maria con il Bambino e ai lati i Santi Rocco e Sebastiano.
Chiesa della Madonna della Neve, conosciuta come “la Madonna in Campagna”, sorge all’esterno dell’abitato. L’edificio a pianta centrale, risalente al 1666, ha una copertura a volta e l’abside è arricchita da un affresco a motivi architettonici che raffigura una Madonna in trono col Bambino sulle ginocchia. L’esterno della chiesa, con un piccolo pronao sostenuto da due coppie di pilastri, è circondato da un muricciolo su cui un tempo erano dipinte le stazioni della Via Crucis.

Torna all’indice

separatore_super3